📁
Brasile Portale sui viaggi in Brasile con informazioni riguardanti San Paolo, Rio de Janeiro, Natal, Salvador Bahia, Fortaleza e l'Amazzonia nonche' un efficace sistema di prenotazione hotel e acquisto voli last minute ed economiciBrasile
Geografia

Flora e fauna

Amazzonia
Amazzonia

La varietà del clima, le condizioni del suolo e delle acque si riflettono sulla vegetazione del Brasile. Nel bacino del Rio delle Amazzoni e nelle zone lungo la costa atlantica, dove le piogge sono abbondanti, cresce la lussureggiante foresta tropicale, costituita da piante sempre verdi dalle larghe foglie. La foresta tropicale, composta da una grande varietà di piante, può raggiungere le 3.000 speci per miglio quadrato (circa kmq 2,6). Nelle pianure e sugli altopiani della costa orientale, laddove la pioggia è meno abbondante e la stagione è molto secca, si trovano delle foreste semidecidue. Qui gli alberi sono più piccoli di quelli della foresta tropicale e perdono le foglie nella stagione secca. La caatinga, con vegetazione prevalentemente secca, predomina nella regione semiarida del nordest.
La maggior parte del Brasile centrale è invece ricoperto dalla savana, conosciuta con il nome di cerrado. La savana presenta una vegetazione nella quale coesistono pochissimi alberi, dai rami spogli, con erbe che resistono bene alla siccità. Nel sud, sugli altopiani, predominano i pini dalle foglie a forma di ago (pini del Paraná detti anche Araucária), mentre le pianure a livello del mare sono coperte d'erba. Nelle terre paludose del Mato Grosso (Pantanal Matogrossense), una piana che copre 230.000 chilometri quadrati nella parte occidentale del Brasile centrale, regnano alte erbacce ed alberi sparsi. Questa regione è sommersa dalle acque durante tutta la stagione delle piogge.
La foresta amazzonica ospita la più vasta riserva di organismi viventi al mondo. Anche se nessuno sa esattamente quante siano le specie presenti, gli scienziati le stimano tra le 800.000 e i 5 milioni, pari ad una percentuale che oscilla tra il 15 e il 30 per cento di tutte le specie esistenti al mondo. Dal momento che i naturalisti individuano continuamente nuove specie di pesci d'acqua dolce, tale tendenza fa pensare che ci potrebbero essere ben 3.000 tipi di pesci nei fiumi e laghi dell'Amazzonia. Tra i pesci tipici della zona vanno ricordati il pirarucu, noto per essere il più grande pesce d'acqua dolce del mondo (alcuni esemplari raggiungono 2 metri di lunghezza e 125 kg di peso); il tambaqui, della famiglia dei caracidi, dotato di forte dentatura, in grado di rompere semi e noci molto duri; e il piranha. La ferocia di questi pesci carnivori è stata certamente esagerata. Nonostante in alcuni rari casi dei piranha abbiano attaccato e ucciso animali e uomini, bisogna dire però che il loro comportamento dipende in gran parte dall'habitat. Infatti, nei principali fiumi e nei grandi laghi non sembrano attaccare l'uomo. Diventano aggressivi soltanto in mancanza di cibo.

Argomenti nella stessa categoria